combatti ansia e stress

La gestione dello stress con il time management

Lo stress è una delle sfide del nostro tempo! Gli impegni che si susseguono freneticamente e le incombenze che (a volte) ci imponiamo, ci portano a non riconoscere i segnali del corpo che ci chiedono di rallentare.

stress e time management

Una buona gestione dello stress passa attraverso la prevenzione e una gestione del tempo ragionata e che preveda spazi per se stessi e per evitare la sovrapposizione degli impegni è sicuramente un passaggio importante, anche se non l’unico.

Attraverso questa breve guida cerchiamo di comprendere quali siano le difficoltà da superare per una organizzare gli impegni quotidiani! Pillole di Time Management

 

combatti ansia e stress

I buoni propositi

Ecco un argomento in linea con il periodo: i buoni propositi per l’anno nuovo. I momenti di passaggio possono diventare facilmente  punti per fermarsi a riflettere e fare della considerazioni su come vorremmo cambiare aspetti di noi o della nostra vita che non ci piacciono particolarmente.

buoni propositi

Eppure sebbene per molti siano motivo di entusiasmo e di rinnovato entusiasmo i buoni propositi sono oggetti di battute e scherzi perchè non si portano a compimento. Questo atteggiamento (ancora prima di cominciare) può generare indolenza o anche ansia nei confronti di un “vorrei, ma non posso..”.

Ma perchè i buoni propositi sono così difficili da portare a compimento, perchè diventano altra fonte di stress e soprattutto ci portano a pensare che proprio non ce la facciamo?? Allora il 2016 iniziamolo davvero con qualcosa di diverso con una piccola guida alla Motivazione, perchè per cambiare bisogna essere motivati e per evitare di perdersi per strada occorre pianificarla in modo strategico.

Leggete la mia piccola guida su Crescita Personale e non avrete più bisogno del Lupo 😉

combatti ansia e stress

Perchè un centro del benessere psicologico?

Andare dallo psicologo? Ma perchè? Mica sono pazzo!

Questa reazione ti è familiare? Io l’ho sentita tante volte. In realtà la consulenza psicologica serve anche solo per migliorare il proprio benessere o per superare un piccolo incidente di percorso.
Per chiarirci le idee vi racconto una storia vera…..

Silvia è rimasta incinta a 30 anni, avendo sempre avuto un rapporto complicato con il proprio corpo pensava che questa sarebbe stata l’occasione per sentirsi bene con se stessa, bella e appagata, nel pieno della sua femminilità. Le aspettative erano molto alte e purtroppo sono state smentite presto. I primi 3 mesi furono un susseguirsi di conati, vomito, subbuglio ormonale generale, ma a parte questo una grande tristezza la accompagnava pur continuando a sognare ad occhi aperta la sua prossima sfida genitoriale. Non si sentiva bene, non si sentiva bella e mai aveva sentito tanta sfiducia nel suo corpo.

Inizialmente cercò conforto nel confronto con chi gli stava accanto, con le donne che erano vicino a lei. Le risposte erano quanto più lontano si possa dalla comprensione: “stai facendo male al bambino”, “ma se lui sta bene non importa”, “allora non lo vuoi questo bambino”……

Queste risposte, anche se dettate da buone intenzioni, hanno avuto il solo effetto di peggiorare la tristezza, il malessere, la solitudine e la chiusura in se stessa.

Dopo i 3 mesi le cose peggiorano e arrivata al 5° mese, silvia prende coraggio e va da una psicologa turbata dai dubbi e dal senso di colpa di poter aver arrecato danno al piccolo. La prima seduta fu come aver stappato una bottiglia di champagne: un fiume di lacrime e parole. Il centro della discussione fu la possibilità di viver male la gravidanza senza per questo essere arrabbiata con il bambino, il diritto di poter dire di stare male e di pensare anche al proprio benessere.

Silvia ha continuato a parlare una volta ogni due settimane e i suoi sintomi si sono attenuati una volta accettato il fatto che le sue aspettative erano state tradite, ma che stava già insegnando a suo figlio che le sfide vanno affrontate. Oggi è mamma felice e orgogliosa di altri 2 bambini che hanno rappresentato altrettante sfide, ma in quel 5° mese Silvia ha ritrovato la strada per il benessere!