psicologia e lavoro

Quando ti devi autpromuovere anche un PhD vale

Quando ci autopromuoviamo spesso cerchiamo di comunicare quegli aspetti che crediamo più appetibile di noi stessi. Questa strada, apparentante strategica, può essere fuorviante nel momento in cui fa trasparire un’immagine falsa.

Allora? Allora meglio cercare di far trasparire da chi siamo e dalle nostre scelte delle competenze spendibili in altri campi. Quando scelsi la strada del dottorato non avevo ancora pensato alla strada da formatrice libera professionista, e meno male! Altrimenti in tanti avrebbero cercato di dissuadermi, perché si sa che fuori dall’ambito accademico il PhD non si sa neanche cosa sia o, peggio, sono solo altri tre anni buttati a non fare niente. Tralasciando il “non far niente” per un momento, il dottorato mi ha dato tanto e dice tanto di me anche alle aziende e ai clienti che vogliono ascoltare:

  • Dice che non mollo di fronte alla prospettiva di fare tre studi in tre anni con tanto di stesura della tesi.
  • Dice che sono in grado di fare una progettazione strategica che metta insieme obiettivi di base da raggiungere, possibili miglioramenti, piani B e rispetto delle tempistiche.
  • Parla di un amore per un metodo, quello scientifico, che è fatto di continue misurazione dei progressi e riprogettazione quando i risultati non confermano le ipotesi iniziali.
  • Dice che sono un po’ secchiona, perché è vero che amo vedere come il sapere continuamente evolve pur basandomi su ciò che è, al momento, è confermato.
  • Dice che sono in grado di adattare e ragionare per competenze e non per azioni se ho fatto di un dottorato un arma vincente nella formazione.

Non vi sembra, quindi, che quando ci si racconta, persino un dottorato vale?

combatti ansia e stress

La gestione dello stress con il time management

Lo stress è una delle sfide del nostro tempo! Gli impegni che si susseguono freneticamente e le incombenze che (a volte) ci imponiamo, ci portano a non riconoscere i segnali del corpo che ci chiedono di rallentare.

stress e time management

Una buona gestione dello stress passa attraverso la prevenzione e una gestione del tempo ragionata e che preveda spazi per se stessi e per evitare la sovrapposizione degli impegni è sicuramente un passaggio importante, anche se non l’unico.

Attraverso questa breve guida cerchiamo di comprendere quali siano le difficoltà da superare per una organizzare gli impegni quotidiani! Pillole di Time Management